Appleiphoneitalia,Sblocco Ufficiale Apple iPhone - Contatto: factoryunlock@appleiphoneitalia.com
PER UN PREVENTIVO GRATUITO, INVIA IMEI DI 15 CIFRE A: factoryunlock@appleiphoneitalia.com

Whatsapp ricompare sull'iPhone.

Whatsapp ricompare sull'iPhone ( pagamento ) e installous ( gratuita ).

64 ore di attesa, di blocco e di esclusione dall'App Store. La vicenda di Whatsapp ricorda, anche se molto da lontano, quel che è successo qualche mese fa con il servizio Blackberry. Certo con i dovuti distinguo. Ma per gli utenti si è trattata di una situazione simile: difficoltà,
Whatsapp ricompare sull'iPhone. Ed è gratis (per ora)
 per non dire impossibilità, di utilizzare la celebre chat tra smartphone con sistemi operativi differenti senza un briciolo di spiegazione.
Dietro la scorza di questa situazione la faccenda è diversa: Rim ha avuto un blocco, Whatsapp è stata congelata. L'app infatti è dapprima sparita dall'App Store, il catalogo di applicazioni per iPhone mentre risultava perfettamente funzionante (o quasi) sui Melafonini che già l'avevano installata e sugli altri dispositivi compatibili con Blackberry OS, Android, Windows Phone e Symbian. Quattro giorni di blackout senza parole, solo con qualche frammentaria spiegazione: nessuna all'inizio, poi qualche ipotetico problema di sicurezza e di privacy, poi la promessa che l'app sarebbe tornata presto con una nuova versione aggiornata. L'annuncio dato dalla stessa Whatsapp su twitter mentre sul Web impazzavano ipotesi più o meno credibili.
Finalmente è di nuovo scaricabile eventualmente come aggiornamento dell'applicazione già presente. La release 2.6.9 che offre nuovi sfondi, il pulsante chat di gruppo sempre raggiungibile e una serie di altre "correzioni" che migliorano il funzionamento e "correggono i difetti". Ecco tutto, poche parole concise che ammettono a metà come il software avesse in effetti qualche problema. Anche se qualche utente non si è fatto sfuggire l'occasione di dire che sotto sotto potesse esserci lo zampino di Apple. Ciò che lascia perplessi è come il tutto sia avvenuto quasi come se nulla fosse. Nessuna spiegazione ufficiale, almeno fino al momento in cui si scrive, o motivazione che potesse fare luce sull'accaduto.
Una situazione tollerata, anche se con qualche riserva, dagli utenti ma che nel futuro potrebbe essere sempre meno comprensibile. Sì, perché sull'App Store Whatsapp è a pagamento: 0,79 euro nonostante la pausa natalizia durante la quale era scaricabile gratis. Condizione già garantita sulle altre piattaforme ma per le quali potrebbe arrivare presto una doccia fredda. In questi giorni circolano mail a catena che invitano a proseguire l'invio per evitare che l'app diventi a pagamento. Ma un abbonamento annuale potrebbe essere dietro l'angolo. Installando il software su un Blackberry Curve è comparso un messaggio: un anno gratis, poi bisogna procedere a versare una piccola quota (1,99 dollari all'anno).
Sul sito ufficiale della società si invita a diffidare di qualsiasi messaggio di posta elettronica che parlino di un passaggio a pagamento entro il prossimo 28 febbraio. Si tratta di un hoax, cioè di una bufala. Quindi meglio non crederci ed evitare di alimentare la catena di Sant'Antonio. Però è anche vero che il modello di Whatsapp con i ritmi di crescita attuali potrebbe diventare presto non sostenibile e potrebbe richiedere un micro-investimento per garantirsi il servizio. L'idea circola da tempo e potrebbe concretizzarsi in un prossimo futuro. Anche perché Whatsapp è gratuito ma per modo di dire: si calcoli che sfrutta la rete dati per funzionare, quindi poggia su un abbonamento telefonico opportuno. Per ora non sono previsti altri costi. Per ora.

Nessun commento:

Posta un commento

Vedi i numerosi Feedback di Clienti AppleiPhoneitalia,a destra logo TRUSTPILOT e altri in alto finestrella gialla.
Valuta prezzi / tempi con sblocco al 100%.